Vai a sottomenu e altri contenuti

Separazione -Divorzio

Separazione e Divorzio davanti all'Ufficiale di Stato Civile

L'art. 12 del Decreto Legge 132/2014 coordinato con la Legge di conversione 10/11/2014, n. 162, introduce il nuovo istituto dell'accordo di separazione o di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio davanti all'ufficiale di stato civile a partire dall' 11 dicembre 2014. In particolare i coniugi possono chiedere congiuntamente, all'ufficiale di stato civile, di registrare un atto in cui, con il consenso reciproco, dichiarano di volersi separare o di voler sciogliere o fare cessare gli effetti civili del loro matrimonio. Tale atto ha la stessa efficacia della sentenza di separazione e di divorzio dei giudici.

SEPARAZIONE
In senso giuridico con il termine ''separazione'' si individua l'interruzione della convivenza dei coniugi e la conseguente sospensione dei diritti e dei doveri che gli stessi avevano assunto con l'atto di matrimonio.

La separazione può essere:
- Separazione consensuale: i coniugi decidono di separarsi previo accordo tra loro circa la situazione economica e personale (affidamento dei figli).
- Separazione giudiziale: i coniugi non raggiungono un accordo; uno dei due coniugi intenta una procedura legale di separazione.

DIVORZIO
Con il termine ''divorzio'' si individua lo scioglimento definitivo del matrimonio, mediante sentenza emessa dal Tribunale; restano immutati i doveri verso i figli e la responsabilità genitoriale.
La sentenza di divorzio può essere di:
- scioglimento di matrimonio civile;
- cessazione degli effetti civili del matrimonio religioso (concordatario);
- delibazione sentenze ecclesiastiche di annullamento di matrimonio.

Con la normativa entrata in vigore a fine anno 2014 è stata introdotta la possibilità (in presenza di certe condizioni) di separarsi, divorziare o modificare le precedenti condizioni di separazione o divorzio attraverso:

1) Un ACCORDO CONSENSUALE DINNANZI ALL'UFFICIALE DELLO STATO CIVILE;

2) Una CONVENZIONE DI NEGOZIAZIONE ASSISTITA DA UN AVVOCATO.

1) SEPARAZIONI E DIVORZI DAVANTI ALL'UFFICIALE DI STATO CIVILE
L'11 dicembre 2014 è entrata in vigore la norma che permette di separarsi, divorziare o modificare le precedenti condizioni di separazione o divorzio, in maniera consensuale, senza rivolgersi ad avvocati e al tribunale.

Dove?

Ai coniugi è data la possibilità di presentare una richiesta congiunta all'ufficiale dello stato civile del Comune:
- di residenza di uno dei coniugi,
- in cui è iscritto l'atto matrimonio a seguito di celebrazione
- in cui è trascritto l'atto di matrimonio celebrato con rito religioso
- in cui è trascritto l'atto di matrimonio celebrato all'estero

L'assistenza di un avvocato è facoltativa.

Restano invariati i presupposti per la proposizione della domanda di divorzio:
Periodo ininterrotto di separazione personale dei coniugi (non più di 3 anni) ma di n. 12 mesi dall'avvenuta comparizione dei coniugi innanzi al presidente del tribunale nella procedura di separazione personale e di n. 6 mesi nel caso di separazione consensuale, anche quando il giudizio contenzioso si sia trasformato in consensuale.

Chi può avvalersi di questa modalità semplificata?

Tutte quelle coppie che:
- non abbiano figli (in comune) minori;
- non abbiano figli (in comune) maggiorenni incapaci (cioè sottoposti a tutela, curatela, amministrazione di sostegno);
- non abbiano figli (in comune )maggiorenni portatori di handicap grave (Legge n.104/1992);
- non abbiano figli (in comune) maggiorenni economicamente non autosufficienti;
- raggiungano l'accordo senza alcuna clausola avente carattere dispositivo sul piano patrimoniale (Es: l'uso della casa coniugale, passaggi di proprietà dell'abitazione, etc.). La Circolare n. 6/2015 del Ministero dell'Interno ha chiarito in merito che non rientra nel divieto della norma la previsione, nell'accordo concluso davanti all'ufficiale dello stato civile, di un obbligo di pagamento di una somma di denaro a titolo di assegno periodico, sia nel caso di separazione consensuale (c.d. assegno di mantenimento), sia nel caso di richiesta congiunta di cessazione degli effetti civili o scioglimento del matrimonio (c.d. assegno divorzile).

In presenza di figli minori o maggiorenni, nelle condizioni di cui sopra, è prevista la possibilità di ricorrere alla negoziazione assistita con l'assistenza di almeno un avvocato per parte (NON UN UNICO AVVOCATO PER ENTRAMBE LE PARTI - Vedi Circ. Min. Interno n. 6/2015)

Come avviare la procedura

Ciascuna delle parti interessate (sposo e sposa) deve sottoscrivere e presentare all'Ufficio di Stato Civile del Comune di Asuni il relativo Modello di dichiarazione sostitutiva di certificazione ex art. 46 D.P.R. N. 445/2000 .La presentazione delle dichiarazioni sostitutive di certificazione risulta indispensabile al fine di poter acquisire tutte le informazioni necessarie all'avvio del procedimento e alla redazione del relativo atto.
L'ufficio di stato civile verificherà la veridicità delle dichiarazioni rese acquisendo tutta la documentazione necessaria. Se sussistono le condizioni stabilite per legge per procedere, l'Ufficio dello stato civile fisserà un appuntamento, in accordo con le parti, per la sottoscrizione dell'accordo.

Sottoscrizione dell'accordo e sua conferma

Il giorno stabilito per la sottoscrizione dell'accordo, l'Ufficiale di stato civile riceverà da ciascun coniuge la dichiarazione di volontà di volersi separare, divorziare o modificare le precedenti condizioni di separazione o divorzio, secondo le condizioni pattuite. Compilato e sottoscritto l'accordo viene fissato un nuovo appuntamento per la conferma dello stesso.
Alla data del secondo appuntamento (non prima di 30 giorni dal primo), i due coniugi devono ripresentarsi davanti all'Ufficiale di stato civile per confermare l'accordo.
La mancata comparizione nel giorno concordato, senza giustificato motivo, varrà quale rinuncia e quindi mancata conferma dell'accordo.

Requisiti

-

Costi

Il procedimento prevede il costo di Euro 16,00, da versare sul conto corrente postale N. 16482093 intestato al Comune di Asuni Servizio di Tesoreria. All’atto della firma dell’accordo si dovrà presentare la ricevuta del versamento effettuato.

Normativa

L.132/2014

Documenti da presentare

Documenti da presentare

- Documenti di identità;
- (nel caso di divorzio) Sentenza di separazione, passata in giudicato, da almeno 3 anni (ora 12 mesi ) a far data dalla presentazione dei coniugi davanti al
Presidente del Tribunale;
- (nel caso di modifica delle precedenti condizioni) Precedente accordo

Termini per la presentazione

-

Incaricato

Ufficiale di stato civile

Tempi interni

-

Tempi esterni

-

Tempi complessivi

-

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Modulo separazione - divorzio Formato doc 87 kb

A chi rivolgersi

A chi rivolgersi - Referente
Ufficio/Organo: Servizi Demografici (Anagrafe, Stato Civile, Elettorale)
Indirizzo: Piazza Municipio 1, 09080 Asuni (OR)
Telefono: 0783960134  
Fax: 0783960133  
Email: info@comuneasuni.it
Email certificata: protocollo@pec.comuneasuni.it
Scheda ufficio: Vai all'ufficio
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto